Visita guidata al Casino del Graziano a Villa Borghese

Il casino del Graziano è uno dei tanti casali di Villa Borghese, sito vicino all’ingresso del Bioparco,  in viale del Giardino Zoologico ai confini della Valle dei Platani. All’inizio del ‘600 il casale rustico è proprietà del giurista Stefano Graziano; la valletta sottostante, oggi detta Valle dei Platani, faceva parte della proprietà. Nel 1616 fu comprato dal cardinale Borghese per farvi una mostra di quadri e statue, ma poi fu usato principalmente come casino di delizia e riposo dopo le battute di caccia. Al primo piano troviamo un affresco del ‘500 chiamato il “Ratto d’Europa”, al piano superiore è presente un affresco raffigurante un paesaggio incorniciato da puttini (forse scuola del Domenichino e di Guido Reni). L’edificio, con una loggia e due giardini, conserva ancora il ricchissimo apparato decorativo ed è rimasto pressoché immutato nel tempo.

Visita gratuita.

I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare entro il 25 gennaio Bianca Santese 3395003424,bianca.santese@gmail.com

Appuntamento alle ore 10.45 in Viale del Giardino Zoologico 35.

Visita guidata agli Oratori cristiani del Celio: Cappella di Sant’Andrea, Oratori di Santa Barbara e di Santa Silvia

Nei pressi della Chiesa di San Gregorio si trovano tre piccoli Oratori che ci riportano alle origini della Roma cristiana. Grazie a un’apertura straordinaria potremo visitare l’antica Cappella di Sant’Andrea che la tradizione vuole costruita sulla casa di San Gregorio Magno, ove sono conservati due grandi affreschi di Guido Reni e del Domenichino. Il più antico degli Oratori è quello del Triclinium, dedicato dal Cardinale Baronio a Santa Barbara: nella parete di fondo è collocata la scultura realizzata da Nicolas Cordier, raffigurante Papa Gregorio Magno benedicente. Ultimo a essere edificato, in posizione simmetrica a quello di Santa Barbara, è l’Oratorio di Santa Silvia: al suo interno è la statua di Santa Silvia orante, scolpita dal Cordier. Il catino absidale è affrescato per mano di Guido Reni. Poco dietro la Chiesa di Sant’Andrea, dal lato del Clivo di Scauro, si possono ammirare i resti archeologici di quella che i massimi studiosi ed esperti del settore riconoscono come l’Aula absidata a pianta basilicale della Biblioteca di Papa Agapito I (535-536)

La visita è gratuita. Offerta di 3 o 4 € per contribuire alla manutenzione e ai restauri degli oratori.

I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare entro il 10 gennaio Claudia Toscano 068848662  3404990426 claudiatosca@alice.it

Appuntamento alle ore 9.45 in Piazza San Gregorio 1 (di sabato si trova parcheggio).

Visita guidata al Palazzo dei Filippini in Piazza della Chiesa Nuova

Alla scoperta del complesso del Palazzo dei Filippini, costituito dal Convento e dall’Oratorio, che occupa un vasto isolato compreso tra Piazza della Chiesa Nuova e Piazza dell’Orologio. Il progetto si deve al Borromini, il quale vinse nel 1637 il concorso bandito dai Padri Filippini per la costruzione dei nuovi edifici. Il convento presenta tre facciate in laterizi di quattro piani ciascuna, con finestre rettangolari a semplice riquadro mentre l’oratorio si differenzia notevolmente dalle linee semplici del Convento, e costituisce uno dei capolavori dell’arte barocca. L’interno dell’Oratorio, oggi chiamato Sala Borromini, è adibito a sede di convegni e dibattiti pubblici; al piano superiore del complesso invece si trova la Biblioteca Vallicelliana, strettamente collegata alla figura di San Filippo Neri e alla Congregazione dell’Oratorio, istituita nel 1565 e riconosciuta ufficialmente da Gregorio XIII nel 1575 con la bolla Copiosus in misericordia.

Sistema di amplificazione: € 2,00 (da pagare in loco).

I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare entro il 5 gennaio Serena M. Cecchini  0685353580, 3333882867, smcecchini@gmail.com

Appuntamento ore 9.45 in Piazza della Chiesa Nuova 18.

Visita guidata ai nuovi scavi dello Stadio di Domiziano sotto la Scuola Francese in Piazza Navona

Eccezionale esempio della pluristratificazione e continuità urbanistica di Roma, Piazza Navona ha conservato la forma dello Stadio fatto costruire nell’86 d.C. da Domiziano: la piazza coincide infatti con la pista dello stadio, mentre gli edifici ne disegnano il perimetro – compresa la Chiesa di S. Agnese in Agone – Dopo aver visitato il percorso espositivo allestito tra i resti del lato curvo dello Stadio si scenderà nei sotterranei dell’École Française, dove recenti scavi hanno riportato alla luce altre vestigia del complesso.

Costo della visita guidata  8 €

I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare entro il  13 novembre Grazia Guglielmi 063220583 3474522070.

Appuntamento alle ore 15.15 in Via di Tor Sanguigna 3.

Visita guidata alla recentemente restaurata Chiesa di Santa Maria del Priorato, opera di Giovan Battista Piranesi e ai Giardini della Villa del Priorato del Sovrano Militare Ordine di Malta

Nel X secolo, Alberico II donò il territorio dove sorge oggi la Villa e la chiesa all’abate Odone di Cluny affinché diffondesse la regola cluniacense, fondando un monastero benedettino fortificato. All’epoca era una delle chiese più importanti di Roma: annoverata al terzo posto tra le venti abbazie più belle. Il territorio passò all’Ordine dei Templari e, dopo il loro scioglimento nel 1312, all’Ordine degli Ospedalieri – l’attuale Ordine di Malta – che vi stabilì il proprio Priorato nel 1566. Fu ristrutturata tra il 1764 e il 1765 dal Piranesi, che la decorò con stucchi elegantissimi. Il piccolo tempio ricorda all’esterno il modello architettonico di un tempio romano, mentre la decorazione interna integra la fantasia barocca e controriformista con le memorie classiche diffuse ovunque, a cominciare dal monumento funebre di Piranesi, nella seconda cappella di destra, raffigurato a figura intera, togato, con in mano dei fogli di disegni, appoggiato ad un’erma che reca incisi gli attrezzi dell’incisore. Santa Maria del Priorato sembra fatta con pezzi di antiche architetture bizzarramente ricomposti, arbitrariamente accostati, come cose della cui antica ragione e funzione si sia perduta la memoria. E tutto, in quella chiesa, è inciso con un tratto forte e profondo, che si direbbe “inchiostrato” come nell’incisione”. Così Giulio Carlo Argan nel 1968.

Costo della visita guidata 5 €

I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare entro il 9 novembre Bianca Santese 3395003424,bianca.santese@gmail.com

Appuntamento alle ore  10,45 in piazza dei Cavalieri di Malta 4.

 

Visita guidata alla mostra “Impressionisti segreti”

Inaugurato il 9 luglio dopo un lungo restauro, Palazzo Bonaparte ospiterà l’attesa mostra sugli Impressionisti, organizzatanelle sale del piano nobile, dove visse Maria Letizia Ramolino, madre di Napoleone Bonaparte. Nella mostra, che è stata annunciata come la più importante mostra sull’Impressionismo che si sia mai tenuta a Roma, saranno esposte oltre 50 opere di artisti tra cui Monet, Renoir, Cézanne, Pissarro, Sisley, Caillebotte, Morisot, Gonzalès, Gauguin, Signac, Van Rysselberghe e Cross, tesori nascosti al più vasto pubblico, provenienti da collezioni private raramente accessibili e per lo più mai concessi prima d’ora in prestito. Per questo si è pensato di intitolare la mostra ‘Impressionisti Segreti’

Costo della visita guidata 13,50 €

I soci che volessero partecipare  sono pregati di contattare entro il 20 ottobre Paola Pesci 3355279507  0686219327.

Appuntamento alle ore 13.45 in Piazza Venezia 5.

Visita guidata alla mostra “Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte”

I Musei Capitolini rendono omaggio a Luca Signorelli. Viene così celebrato, per la prima volta a Roma, uno dei più grandi protagonisti del Rinascimento italiano. Come scrisse infatti Giorgio Vasari, Luca Signorelli «fu ne’ suoi tempi tenuto in Italia tanto famoso e l’opere sue in tanto pregio, quanto nessun altro in qualsivoglia tempo sia stato già mai». Attraverso un’attenta selezione di circa 60 opere di grande prestigio provenienti da collezioni italiane e straniere, molte delle quali per la prima volta esposte a Roma, l’esposizione intende mettere in risalto il contesto storico artistico in cui avvenne il primo soggiorno romano dell’artista e offrire nuove letture sul legame diretto e indiretto che si instaurò fra l’artista e Roma.

Costo della visita: per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale intero: € 6,00 – gratis con carta MIC[1].

I soci che volessero prenotarsi sono pregati di contattare entro il 20 ottobre Claudia Toscano 068848662  3404990426claudiatosca@alice.it

Appuntamento alle ore 15.45 all’ingresso dei Musei Capitolini

[1] La MIC è la card che al costo di 5 euro offre l’accesso illimitato per 12 mesi nei Musei in Comune e nei siti storico artistici e archeologici della Sovrintendenza, rivolta ai residenti a Roma, ai domiciliati temporanei a Roma e agli studenti di Università pubbliche e private presenti nel territorio cittadino.

In vendita nei Musei comunali o on line all’indirizzo miccard.museiincomuneroma.it[1]

 

Villa Albani – visita guidata

Martedì 28 maggio ore 10; prenotazioni entro il 23 aprile
LA DIMORA DELLE MERAVIGLIE: VILLA ALBANI-TORLONIA APRE LE SUE PORTE

E’ prevista una visita, con apertura straordinaria ed esclusiva, alla Villa Albani, oggi di
proprietà dei Principi Torlonia. Si tratta di un luogo unico al mondo, un museo privato con
oltre 1000 reperti greco-romani, dipinti e arredi originali, racchiusi all’interno di un giardino
di 8 ettari. La Fondazione Torlonia nasce nel 2014, per volere del Principe Alessandro
Torlonia con lo scopo di tutelare e promuovere la collezione, un complesso di marmi antichi
tra i più significativi al mondo e Villa Albani “patrimonio dell’umanità oltre che della
Famiglia”. Dalla sua costituzione la Fondazione ha raggiunto obiettivi significativi tra cui: il
restauro, nel salone principale di Villa Albani, dell’affresco di Anton Raphael Mengs, il
“Parnaso”, manifesto pittorico del nascente stile neoclassico. Trattandosi di un patrimonio
ancora oggi privato, il nostro contributo alla Fondazione andrà a supportare il restauro di alcuni capolavori assoluti della statuaria antica, che hanno reso Villa Albani celebre in tutto il
mondo.
Per questa apertura è gradita una donazione minima di euro 50 a persona (che sarà
deducibile dalle tasse) interamente devoluta alla Fondazione Torlonia. Massimo 20
persone
I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare, entro il 23 aprile, Serena M.
Cecchini, smcecchini@gmail.com , 0685353580, indicando gli nome e cognome, estremi di
un documento, lo stesso che verrà esibito il giorno della visita.
Appuntamento alle ore 10 (è richiesta la massima puntualità) in Via Salaria, 92.

Palazzetto Mattei a Villa Celimontana – visita guidata

Sabato 18 maggio, ore 11.00; prenotazioni entro l’11 maggio
Villa Celimontana: visita guidata a Palazzetto Mattei, sede della Società geografica
italiana
La Società Geografica Italiana onlus dal 1924 ha sede a villa Celimontana nel cinquecentesco
Palazzetto Mattei, di grande prestigio storico-artistico. Nel ‘600 all’arricchimento degli arredi
del palazzetto parteciparono i pittori che provenivano dall’Accademia di San Luca, ambiente
classicistico per eccellenza della cultura romana seicentesca: sacro profano, natura e
mitologia sono gli elementi presenti nelle pitture e negli arredi del palazzetto. La visita
avviene nell’ambito dell’iniziativa “Alla scoperta della Società geografica” e prevede un tour
delle sale della Biblioteca, la descrizione storico-artistica del Palazzetto e l’esposizione di
carte geografiche, materiali d’archivio, libri antichi e fotografie; avrà durata di circa 90 minuti.
E’ anche una bella occasione per passeggiare nella Villa in compagnia di figli e nipotini.
Trattandosi di un giorno normalmente di chiusura, è previsto un piccolo contributo di euro
6,00 per persona a titolo di rimborso spese (per i bambini tra i 6 e i 10 anni è prevista una
quota ridotta di 3 euro).
I soci che volessero partecipare sono pregati di contattare entro e non oltre l’11 maggio
Bianca Mortari 3387347295
Appuntamento alle ore 10, 30 davanti al cancello della villa in Via della Navicella 12.

Villa Paolina Bonaparte – visita guidata

Venerdì 10 maggio ore 10,40; prenotazioni entro il 31 marzo (lista di attesa)
IL SOGNO DI UNA PRINCIPESSA: Visita guidata a VILLA VALENTI GONZAGA-BONAPARTE
E I SUOI GIARDINI
Sede dal 1945 dell’Ambasciata di Francia presso la Santa Sede, la Villa, più nota come Villa
Paolina, fu il “buen retiro” prima del Segretario di Stato di Benedetto XIV (Silvio Valenti
Gonzaga, metà ‘700), poi della Principessa Paolina Bonaparte, sorella di Napoleone, che la fece
decorare e arredare in stile Impero. La villa e il giardino, racchiusi all’interno della storica breccia di Porta Pia, saranno aperti in esclusiva per noi, per mostrarsi in tutto il loro
splendore dopo il recente restauro dei prospetti esterni. Ingresso gentilmente concesso
dall’Ambasciatore.
L’Ambasciata richiede di comunicare entro i primi di aprile nome, cognome, luogo, data
di nascita, estremi di un documento e scadenza (lo stesso che verrà esibito il giorno
della visita) di ogni partecipante e di effettuare il versamento della quota di ingresso.
Noi provvederemo all’iscrizione e anticiperemo il pagamento, ma è necessario che inviate
entro il 31 marzo a Serena M. Cecchini smcecchini@gmail.com , 0685353580 tutti i dati qui
sopra indicati insieme con il vostro recapito telefono. Massimo 25 persone.
Ricordiamo che, una volta inviati i dati dei partecipanti, non sarà possibile cambiare i nomi
della lista né avere il rimborso dell’ingresso.
Costo della visita guidata 15€.
Appuntamento alle ore 10,40 in Via Piave, 23.