Statuto

Art. 1
E’ costituita l’Associazione “AMICI DEL TASSO” con sede in Roma.

Art. 2
L’Associazione, operando nello spirito della Costituzione, si propone i seguenti scopi:
1. concorrere alla riqualificazione e rivalutazione della scuola pubblica promovendo lo sviluppo di attività culturali;
2. fornire orientamenti agli studenti dell’Istituto al fine del loro inserimento nel mondo universitario e del lavoro;
3. contribuire al recupero e all’incremento del patrimonio tecnico, scientifico e storico dell’Istituto;
4. rinsaldare i rapporti di amicizia tra gli ex alunni dell’Istituto e, attraverso la comune matrice educativa, creare nuove occasioni di incontro;
5. favorire, in collaborazione con i docenti e gli studenti dell’Istituto, ogni altra iniziativa di particolare interesse.

Art. 3
L’Associazione non ha scopo di lucro.

Art. 4
Possono essere soci dell’Associazione quanti tra gli ex alunni, i docenti, gli ex docenti e il personale non docente, siano stati iscritti o abbiano lavorato, per almeno un anno nel Liceo Ginnasio Torquato Tasso di Roma e si impegnino ad operare per la realizzazione degli scopi dell’Associazione.

Art. 5
Sono organi dell’Associazione:
1. l’Assemblea dei soci;
2. il Comitato Direttivo;
3. il Presidente;
4. il Vice Presidente;
5. il Comitato dei Garanti;

Tutte le cariche sociali non sono retribuite.

Art. 6
L’Assemblea dei soci è presieduta dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice Presidente. Viene convocata in via ordinaria ogni anno a maggio dal Presidente o in via straordinaria ogni qualvolta lo ritenga opportuno il Presidente o il Comitato dei Garanti o 1/5 degli iscritti. La convocazione è fatta tramite comunicazione scritta, inviata almeno 15 giorni prima, con l’indicazione del luogo, giorno, ora e argomenti da trattare. Le delibere vengono prese a maggioranza assoluta dei soci presenti e in regola con il pagamento delle quote associative.

Spetta all’Assemblea dei Soci:
1. la discussione delle linee del programma presentato dal Presidente all’atto del suo insediamento;
2. la determinazione del numero e la nomina annuale, a maggio, dei membri del Comitato Direttivo venuti a scadenza, mediante elezione per acclamazione o su lista unica con candidatura libera e con preferenze espresse su 2/3 dei membri da eleggere;
3. la decisione su ogni altro argomento che il Presidente o il Comitato dei Garanti reputerà opportuno iscrivere all’ordine del giorno;

Ogni socio ha facoltà entro il mese di aprile di proporre iniziative, corredandole con un preventivo di spesa e con la relativa copertura.
Il Presidente entrante dovrà prenderle in esame e darne conto nell’Assemblea di maggio.

Art. 7
Il Comitato Direttivo è composto da un numero di membri determinato dall’Assemblea tra 9 e 31. Fanno parte di diritto del Comitato Direttivo il Presidente del Comitato dei Garanti e gli ultimi due ex Presidenti. Ogni membro dura in carica 3 anni ed è rieleggibile; l’assenza non giustificata per iscritto, a tre riunioni comporta l’automatica decadenza dalla carica. Il Comitato Direttivo nomina nel suo seno ogni anno, dopo l’Assemblea dei soci di maggio, il Vice Presidente. Può nominare nel suo seno un Comitato Esecutivo. E’ convocato dal Presidente su sua iniziativa o su richiesta di 1/3 dei membri. Le sue riunioni sono valide con la presenza della maggioranza dei membri e le sue delibere sono prese a maggioranza semplice: in caso di parità dei voti, prevale il voto del Presidente.

Il Comitato Direttivo:
1. Approva le domande di iscrizione dei soci;
2. Nomina annualmente un Tesoriere scegliendolo fra i soci;
3. Approva a maggio il bilancio consuntivo presentatogli dal Presidente uscente e redatto dal Tesoriere.
4. Determina l’entità delle quote sociali;
5. Approva il programma di attività e il bilancio preventivo sottopostogli dal Presidente entrante, tenendo conto delle indicazioni emerse nell’Assemblea dei soci.

Il Comitato Direttivo delibera annualmente i nominativi dei soci cui sono delegati, con condizioni e limiti, i poteri di firma per le operazioni sui conti correnti postali e bancari intestati all’Associazione.

Art. 8
Il Presidente ha la rappresentanza legale ed in giudizio dell’Associazione. Convoca e presiede l’Assemblea dei soci, il Comitato Direttivo e l’eventuale Comitato Esecutivo, con il quale provvede all’esecuzione delle delibere degli organi dell’Associazione. Entra in carica a maggio dopo aver svolto la funzione di Vice Presidente. Dura in carica un anno, salvo quanto disposto dal secondo comma dell’art.9.
All’atto del suo insediamento sottopone il programma di attività all’approvazione del Comitato Direttivo, dopo aver sentito l’Assemblea dei soci. Sovrintende a tutti i servizi dell’Associazione ed assume tutti i provvedimenti relativi al suo funzionamento. Assegna incarichi e compiti operativi, sentito il Comitato Direttivo. Amministra il patrimonio dell’Associazione, coadiuvato dal Tesoriere e dal Vice Presidente.

Art. 9
Il Vice Presidente è nominato a maggio di ogni anno dal Comitato Direttivo e diviene Presidente nel maggio dell’anno successivo. Coadiuva il Presidente nella sua funzione e lo sostituisce ogniqualvolta ne sia delegato. Prima della riunione dell’Assemblea dei soci di maggio, il Comitato Direttivo, su proposta del Vice Presidente e con l’assenso del Presidente, può confermare in carica per un ulteriore solo anno, il Presidente.

Art. 10
Il Comitato dei Garanti assicura il corretto funzionamento dell’Associazione con poteri di censura nei confronti degli organi sociali e dei singoli iscritti. E’ composto da un massimo di 31 membri scelti per cooptazione fra i soci che maggiormente si sono affermati nella loro professione o che si sono particolarmente dedicati alla vita del Liceo Tasso. La cooptazione avviene ad insindacabile giudizio e con una maggioranza di almeno 2/3, dei membri che ne fanno già parte. Sceglie nel suo seno un Presidente che dura in carica 3 anni ed è membro di diritto del Comitato Direttivo. Gli ex Presidenti dell’Associazione fanno parte di diritto del Comitato dei Garanti. Nel caso di una loro nomina nel Comitato Direttivo, la partecipazione dei medesimi al Comitato dei Garanti è sospesa fino al termine del mandato nel Comitato Direttivo.

Art. 11
Il patrimonio dell’Associazione è costituito:
1. dalle quote associative;
2. dai contributi erogati a titolo di sostegno;
3. dalle donazioni, lasciti, liberalità, in quanto accettati e da ogni altro introito a qualsiasi titolo acquisito dall’Associazione;

Art. 12
L’esercizio finanziario va dall’1 maggio al 30 aprile dell’anno successivo. Il bilancio consuntivo è redatto dal Tesoriere e sottoposto dal Presidente all’approvazione del Comitato Direttivo.

Art .13
La durata dell’Associazione è illimitata.

Art. 14
Il presente Statuto può essere modificato in base a delibere conformi, prese a maggioranza di almeno 2/3 del Comitato dei Garanti e dei 2/3 dei presenti dell’Assemblea dei soci.

Art. 15
Per quanto non previsto nel presente Statuto, valgono le disposizioni del Codice Civile in materia.